Jolly Rosso, confermata in Appello l’assoluzione per il portavoce del comitato De Grazia: «Posa non ha diffamato la società Messina»

21 maggio 2016 Commenti chiusi

Genova, 19 mag. 2016 -  Confermata dalla Corte d’appello di Genova l’assoluzione con formula piena per Gianfranco Posa, portavoce del comitato “Natale De Grazia”, che era stato denunciato per diffamazione dalla società Ignazio Messina & C. Spa, armatrice della nave Jolly Rosso. Assolti “perché il fatto non sussiste” era stato il verdetto in primo grado del giudice del tribunale di Genova, sia per Posa che per la giornalista Lavinia Bruno, entrambi imputati per diffamazione per le dichiarazioni andate in onda, durante la trasmissione Reality “Le navi del mistero”, sull’emittente televisiva La7 nel 2009. I rappresentanti legali della  società Messina avevano impugnato la sentenza di assoluzione ai fini civili, richiedendo il risarcimento dei danni. Nella seduta del 19 maggio scorso la Corte d’appello ha invece confermato la sentenza assolutoria ed ha condannato gli appellanti al pagamento delle spese di giudizio, riservandosi di depositare le motivazioni della sentenza nei prossimi trenta giorni.

«Crediamo che le querele per diffamazione – ha dichiarato Posa, difeso in giudizio dall’avvocato Antonella Bruno Bossio del foro di Roma -  non abbiano mai la forza di fermare battaglie civili e far tacere le richieste di verità e giustizia dei cittadini. Nel nostro impegno civico abbiamo sempre raccontato fatti documentati – ha sottolineato Posa – e chiesto verità su vicende che accendevano il dubbio nei cittadini, sui possibili pericoli per la salute collettiva. Dubbi che devono essere dissolti e per tale ragione continueremo il nostro impegno».

Le attività di Posa e del comitato De Grazia hanno avuto inizio a seguito della tristemente famosa vicenda delle “navi dei veleni” e dell’inquinamento riscontrato nel fiume Oliva. Gli attivisti del De Grazia sono impegnati proprio in questo periodo per raggiungere nel più breve tempo possibile la bonifica o messa in sicurezza dei siti inquinati nella vallata del fiume. «Troppo tempo è passato dall’interramento dei rifiuti e per tale ragione i rilievi effettuati di recente dall’Arpacal rilevano concentrazioni di sostanze inquinanti inferiori a quelle riscontrate negli anni scorsi – ha affermato Posa – e decisamente più basse rispetto a quelle che potevano essere riscontrate al momento dell’interramento, avvenuto a partire dagli anni ’80. Per tale ragione, come ci hanno riferito gli stessi tecnici, “i danni alla salute dei cittadini si sono già consumati” negli anni passati senza che venissero adottati adeguati e tempestivi provvedimenti».

Comitato civico Natale De Grazia

Categorie:Attività del Comitato Tag:

Fiume Oliva: Le richieste del Comitato al presidente della Commissione Ambiente del Consiglio regionale della Calabria

19 febbraio 2016 Commenti chiusi

Presentate dal comitato De Grazia – insieme ad una corposa relazione sull’inquinamento della vallata – a Domenico Bevacqua nel corso di un incontro organizzato dal circolo PD di Amantea

Foto A. Chiappetta

Amantea, 19 febbraio 2016 - L’interesse sulla valle del fiume Oliva e la sua bonifica, riscontrato nel corso dell’incontro che il consigliere regionale Mimmo Bevacqua ha tenuto ad Amantea mercoledì scorso, non può che sortire un beneaugurante sentimento di speranza in quanti, come gli attivisti del Comitato civico Natale De Grazia, si sono adoperati in questi anni per avere il ripristino delle terre inquinate e per la tutela della salute pubblica.

All’incontro organizzato dal partito democratico cittadino – che ringraziamo per l’invito – oltre al presidente della terza commissione consiliare Bevacqua, al sindaco della città Sabatino, ad altri esponenti dell’amministrazione locale e della Cgil – c’erano anche diversi componenti del comitato civico che hanno consegnato a mano un’ampia relazione sulla situazione ambientale della vallata. Documentazione peraltro già acquisita dalla stessa commissione consiliare che si occupa di ambiente e salute, in occasione dell’audizione di associazioni e comitati civici di tutta la Calabria, nella seduta del dicembre 2013. Da allora, è bene ricordarlo, poco è stato fatto in direzione della bonifica, anzi, ancora la valle dell’Oliva non è compresa nell’elenco regionale dei siti potenzialmente pericolosi.

Gianfranco Posa, intervenuto per il comitato, ha rimarcato la necessità di passare a fatti concreti, perché è una questione che si sta trascinando da troppo tempo alla quale va trovata una definitiva soluzione. Ci sono molti ostacoli – ha detto Posa rivolgendosi al presidente Bevacqua – che si dovranno superare. In primis i “negazionisti” presenti nelle amministrazioni locali e negli uffici degli enti coinvolti, che negano il danno ambientale già certificato dall’Ispra. Bisognerà convincere innanzitutto il presidente Oliverio e i suoi più vicini collaboratori che la bonifica non è più rinviabile».

Il piano di caratterizzazione dei siti inquinati dell’Oliva – ha spiegato – è stato completato nel 2010 e la regione non ha finanziato l’analisi del rischio all’Arpacal, analisi del rischio che rappresenta un passaggio propedeutico all’avvio concreto della bonifica. Un fatto che la dice lunga sulla reale volontà di agire.

Tuttavia, ha concluso Posa, dobbiamo registrare la disponibilità di Bevacqua di riunire la terza commissione proprio qui ad Amantea entro marzo, coinvolgendo l’Arpacal e i vertici dell’Asp, e di attivarsi a favore delle procedure burocratiche per la bonifica entro un anno. Noi come Cittadini resteremo vigili e offriremo tutto il nostro contributo per giungere a riavere la nostra terra, ripulita e salubre. Auspichiamo, pure, che la Valle Oliva, dopo la bonifica, possa ritornare ad essere un luogo accogliente e sicuro – non solo per le attività agricole e produttive – ma anche per praticarvi escursionismo tra la natura e la storia di Temesa. La bonifica è l’unico modo per rilanciare il nostro territorio, oggi purtroppo associato ad eventi che ne oscurano l’immagine.

 

Le richieste del Comitato

AL PRESIDENTE
COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO E PROTEZIONE DELL’AMBIENTE
CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

OGGETTO: BONIFICA DELLA VALLE DEL FIUME OLIVA

Gentile Presidente,
alla luce della gravissima situazione igienico-sanitaria e ambientale riscontrata nella valle del fiume Oliva, che viene confermata dal Consulente Tecnico d’Ufficio – CTU della Procura della Repubblica di Paola, dalle risultanze delle indagini condotte dalla magistratura, nonché dalle analisi e verifiche effettuate da Arpacal, Ispra e altri enti – per come illustrato nell’allegata Promemoria sulla situazione ambientale ed igienico-sanitaria della valle dell’Oliva (già peraltro consegnata alla stessa Commissione nell’audizione del 3 dicembre 2013) – Le chiediamo di portare a conoscenza della Commissione Assetto e Utilizzazione del Territorio e Protezione dell’Ambiente, dell’intero Consiglio e della Giunta regionale il caso della “valle dei veleni”, per fare in modo che intervengano, ognuna per le proprie competenze, nei modi e nelle forme dovute, affinché:
- La Regione Calabria disponga gli adempimenti necessari e fornisca i mezzi essenziali all’Arpacal per completare i lavori di “analisi del rischio” del bacino del fiume Oliva, in modo da poter avviare al più presto gli interventi di messa in sicurezza e/o di bonifica delle aree risultate inquinate, atteso che la caratterizzazione del sito è stata ultimata da Ispra e Arpacal nel lontano 2010;
- le autorità ambientali (Ministero dell’ambiente, ISPRA e Regione Calabria) e quelle sanitarie (Ministro della Sanità, Istituto Superiore di Sanità e Regione Calabria) procedano alla messa in sicurezza dal punto di vista igienico-sanitario e ambientale ed alla bonifica della Valle dell’Oliva, nel rispetto del principio di precauzione, di cui all’articolo 191 del Trattato dell’Unione Europea, finalizzato a garantire un alto livello di protezione dell’ambiente grazie alla prevenzione del rischio, e del principio di prevenzione, riconosciuto in ambito comunitario;
- le autorità ambientali e sanitarie regionali e nazionali rispettino appieno gli obblighi stabiliti dalla Convezione UN/ECE sull’accesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e l’accesso alla giustizia in materia ambientale (“Convenzione di Arhus”), sottoscritta il 25 giugno 1998 dalla Comunità Europea e ratificata dalla Repubblica italiana con L. 16 marzo 2001 n. 108;
- le autorità ambientali e sanitarie regionali e nazionali collaborino attivamente, contribuendo ad accertare il danno agli habitat naturali e alle risorse idriche e le relative responsabilità, in coerenza con quanto stabilito alla Direttiva 2004/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale.
- Siano resi efficaci, alla luce della nuova Legge regionale di “Istituzione del Registro tumori di popolazione della regione Calabria” i registri tumori della Regione Calabria come strumenti di prevenzione delle malattie oncologiche, indispensabili alla valutazione della situazioni ambientali a rischio.
Fiduciosi che le nostre istanze saranno opportunamente valutate e nella speranza che presto saranno attivati gli adempimenti necessari al risanamento del nostro territorio, La ringraziamo e Le porgiamo i nostri auguri di buon lavoro.
Amantea, 17/02/2016

Comitato civico “Natale De Grazia”
Il presidente
Gianfranco Posa

Allegati:
1. Promemoria sulla situazione ambientale ed igienico-sanitaria della valle dell’Oliva;
2. Valutazione del danno ambientale redatta dall’Ispra (aprile 2013).

Bonifica valle Oliva: una priorità

18 febbraio 2016 Commenti chiusi

Il consigliere regionale Domenico Bevacqua segue da vicino la questione. Entro un anno dovrebbero essere concluse le iniziative burocratiche

di Rino Muoio su “Il Quotidiano del Sud”

AMANTEA, 18 febbraio 2016 – “La questione della bonifica del fiume Oliva è una delle priorità ambientali calabresi alla quale spero si possano dare risposte concrete nel giro di un anno”.

E’ in sintesi l’auspicio che Domenico Bevacqua, consigliere regionale e presidente della Commissione Assetto e utilizzazione del territorio e Protezione    dell’Ambiente, ha espresso nel pomeriggio di ieri nella sede del circolo cittadino del Partito Democratico, nell’ambito di un incontro promosso dallo stesso partito sulle problematiche del territorio e in particolare  dell’area  del  fiume Oliva, tristemente nota a livello nazionale per le sostanze   fortemente   inquinanti trovate a seguito delle indagini certosine disposte negli ultimi  anni  dalla  Procura della  Repubblica  di  Paola, guidata  dal  dottor  Bruno Giordano.   All’iniziativa   – promossa dal Gruppo di Lavoro Tutela, cura e politiche ambientali, che ha elaborato il  documento  oggetto  della discussione – hanno partecipato  iscritti  al  partito  di Amantea  e del  comprensorio, esponenti del Comitato civico De Grazia e della Cgil, il sindaco di Amantea Monica Sabatino e alcuni amministratori.

Ad aprire i lavori é stato ilsegretario Enzo Giacco, che ha evidenziato come questa iniziativa  vada  collocata  in quel  percorso  di  riappropriazione del ruolo del partito come interprete delle ansie  e  delle  istanze  collettive.

La  coordinatrice     del gruppo   di   Lavoro   Lucia Groe ha poi illustrato le motivazioni  della  richiesta  di bonifica della Valle dell’Oliva formalizzate all’onorevole Bevacqua dal Partito Democratico cittadino, il quale si é impegnato a riunire la Commissione  che  presiede entro la fine di marzo proprio  ad  Amantea, per  concordare un percorso che nel giro di un anno porti ad avviare le necessarie procedure di bonifica. Un itinerario che ha già superato il primo step, ma che ora è necessario superi  il  secondo,  che  riguarda l’analisi del rischio e quindi lo stanziamento delle risorse per la bonifica definitiva. E proprio in riferimento al documento di richiesta di bonifica elaborato dal PD, si legge tra l’altro: “La presente richiesta tiene conto di una volontà pubblica ad attuare misure di riparazione del  danno  ambientale e  di prevenzione del rischio rifacendosi al principio di precauzione e di proporzionalità, in base ai quali deriva l’assicurare un elevato livello di

tutela ambientale e della salute. Un problema ambientale è soprattutto un problema di salute, pertanto è un’urgenza prioritaria intervenire con atti legislativi, economici e sociali coraggiosi.

Pertanto, si chiede che per l’area i.n questione vengano individuati gli interventi di bonifica del sito, le tecnologie applicabili,  i costi  ed i tempi previsti per la bonifica e che vengano approvati da parte  dell’autorità  competente”. Ora le attese riguardano la tenuta in città entro la  fine  del  prossimo  mese della seduta  della commissione  presieduta da  Bevacqua, nella quale potrebbe essere sancita definitivamente l’urgenza  e  la  delicatezza della  questione  della  valle dell’Oliva

Categorie:Rassegna Stampa Tag:

Calabria, approvata legge Registro Tumori

9 febbraio 2016 Commenti chiusi
Sarà uno strumento necessario ala prevenzione delle malattie oncologiche che potrà essere utile anche a verificare la connessione tra malattie e ambiente.
Il Consiglio regionale della Calabria, ha approvato nella seduta di ieri 8 febbraio, la legge che istituisce il Registro Tumori di popolazione della Regione Calabria.”Con Deliberazione n. 289 del 31 marzo 2010 la Giunta Regionale della Calabria ha ritenuto approvare un progetto per la realizzazione del Registro Tumori di popolazione della regione Calabria. Poiché il registro Tumori viene riconosciuto anche dall’ambiente oncologico locale e nazionale uno strumento indispensabile di valutazione della efficacia degli strumenti di diagnosi e cura del territorio oggetto di studio e delle situazioni ambientali a rischio, è quindi necessario che la Regione Calabria si doti di tale strumento di valutazione e studio di una patologia a forte impatto sanitario e sociale quale quella oncologica. Il presente atto di legge si compone di cinque articoli e si propone di instituire il Registro Tumori della Calabria come Coordinamento della rete dei tre registri sub regionali di Cosenza-Crotone, Catanzaro-Vibo Valentia e Reggio Calabria” questo è quanto si legge nella relazione che accompagna la legge. Cosa cambierà rispetto all’esistente, visto che i registri già esistono ma solo quello di Catanzaro è stato effettivamente avviato ed accreditato presso l’Airtum?
Di seguito il dossier completo a corredo della legge ed alcuni articoli sulle attività dei comitati territoriali, che hanno spinto negli anni scorsi, per la costituzione dei registro tumori. Tra questi il comitato De Grazia.
.
.
articoli collegati
.
.
.
Categorie:Attività del Comitato Tag:

Il consorzio Goel riparte dopo gli attentati

27 novembre 2015 Commenti chiusi

Si terrà sabato 19 Dicembre, dalle 15 in poi, l’evento che celebra la ripartenza dell’azienda agrituristica biologica di GOEL Bio, A Lanterna, dopo l’attentato incendiario della notte del 31 ottobre scorso. 


Monasterace - Il fuoco del cambiamento non solo non si è spento sotto la cenere di quell’incendio, ma continua ad ardere forte più di prima. La comunità di riscatto di GOEL non si piega, risponde unita agli attacchi e traduce la condizione di doloroso svantaggio in opportunità concrete. La campagna di raccolta fondi #ripartiamo e rilanciamo ha consentito, in pochissimo tempo, di recuperare il necessario per riparare i danni e ripartire.
Coloro che disprezzano la dignità della terra di Calabria con il fuoco e la distruzione volevano le donne e gli uomini di GOEL tristi e affranti: la risposta è invece “la Festa” di una comunità che risorge e vuol tenere la testa alta!
Con la Festa della Ripartenza GOEL vuole condividere con tutti la gioia della rinascita e la celebrazione dei simboli della legalità ripristinata. Interverranno personalità, istituzioni civili e religiose
regionali e nazionali, in un ricco programma di musica, arte, teatro popolare, degustazione di prodotti biologici e ricette tipiche accompagnerà l’inaugurazione del capannone ristrutturato e del nuovo trattore.
L’appuntamento è presso l’azienda A Lanterna a Monasterace Marina. A breve tutti i dettagli sul programma dell’evento.

Categorie:Attività del Comitato Tag:

Processo Oliva, Nautilus: falde acquifere della zona contaminate

22 ottobre 2015 Commenti chiusi

Continua il processo sull’inquinamento del fiume Oliva in Corte d’assise a Cosenza. Sentiti i tecnici della Nautilus che confermano la contaminazione delle falde acquifere della zona

di Bruno Pino

COSENZA – Proseguono le udienze in Corte d’Assise a Cosenza del processo Valle Oliva Inquinata. Per ieri mattina erano stati chiamati a deporre la geologa Valeria Eulilli dell’Ispra, ed Ernesto Cilurso, Francesco Lico e Lorenzo Passaniti, della “Nautilus” di Vibo Valentia, società cooperativa che nel 2009 aveva effettuato carotaggi sui siti di Carbonara e Foresta, in comune di Aiello Calabro il primo, e in quello di Serra il secondo. Anche in questa fase processuale, è stato deciso con l’accordo delle parti, di acquisire agli atti le relazioni tecniche e di dispensare i testi dalla deposizione in aula. Solo Lorenzo Passaniti, coordinatore delle attività della Nautilus, ha risposto ad alcune domande della pm Camodeca della procura di Paola vertenti sulla tipologia delle analisi svolte e sulle risultanze scientifiche.

La Nautilus, per conto dei due comuni – Aiello e Serra – aveva provveduto nel 2009, come già accennato, alla caratterizzazione delle discariche di località Carbonara e Foresta, con carotaggi e analisi di laboratorio delle acque sotterranee e superficiali. In entrambi i casi, risultarono ampiamente superati i valori del csc, le concentrazioni soglia di contaminazione, secondo la tabella A della normativa vigente in materia ambientale, riferita alle aree agricole. In particolare, a Carbonara, le acque sotterranee presentavano alti livelli di solfati; mentre a Foresta furono registrate elevate concentrazioni di metalli pesanti.

La prossima udienza calendarizzata già da tempo, sarà il 19 ottobre.

Il processo che si celebra a Cosenza, iniziato a luglio 2013, ha come imputati per disastro ambientale l’imprenditore Coccimiglio di Amantea ed altre 4 persone proprietarie dei siti risultati inquinati.

Al di là dell’esito del processo in corso, resta sempre pendente la mancata bonifica dell’Oliva. Nel sottosuolo della vallata sono stipati almeno 160 mila metri cubi di sostanze nocive e pericolose per la salute pubblica. Il governo regionale non può rinviare più una decisione che le popolazioni del posto aspettano da anni. La bonifica va fatta. Ed è inaccettabile che il fiume Oliva non sia nemmeno inserito nel piano regionale delle bonifiche dei siti potenzialmente pericolosi.

La valle Oliva è una terra ricca di storia e di emergenze archeologiche di grande interesse. È la terra dell’antica Temesa, che meriterebbe altra e migliore sorte.

Categorie:Attività del Comitato Tag:

Osso: “Natale De Grazia dimenticato dalle istituzioni”

1 ottobre 2015 Commenti chiusi

Durante la cerimonia di intitolazione della “Piazza della Guardia Costiera” ad Amantea non è stato ricordato il capitano Natale De Grazia

di Emilio Osso

Amantea, 07 Agosto 2015  - Ho assistito per circa 2 ore alla manifestazione “La Grotta dei desideri” svoltasi ad Amantea lo scorso 4 agosto al parco pubblico “La Grotta”.  E sono rimasto fino dopo l’intervento dell’ammiraglio Felicio Angrisano, capo del corpo delle capitanerie di Porto.

È stato giustamente ricordato l’impegno degli uomini della guardia costiera e l’encomiabile attività d’intervento nel soccorso dei profughi in specie nel Canale di Sicilia. Ritengo che sarebbe stato giusto ricordare anche un valoroso rappresentante del corpo delle capitanerie di porto, il capitano Natale De Grazia, morto, quasi venti anni fa, durante una delicata e pericolosa attività delegata di Polizia giudiziaria inerente la vergognosa e scandalosa vicenda dell’affondamento doloso di “carrette del mare” cariche di rifiuti pericolosi e in alcuni casi radioattivi nel mar Mediterraneo. Si sarebbe potuto ricordare il capitano De Grazia , se non altro perchè Amantea gli ha intitolato il lungomare cittadino e anche per l’impegno dimostrato dall’ufficiale nelle indagini sullo spiaggiamento della moto nave “Rosso” verificatosi nell’anno 1990 sul litorale in località Formiciche di Amantea.

Non è stato fatto nè dal capo del corpo delle capitanerie di porto, nè dal sindaco di Amantea e nè dagli organizzatori della manifestazione. Da semplice cittadino calabrese voglio ricordare il capitano De Grazia come esempio di rettitudine, dedizione, coraggio e onestà.

Categorie:Attività del Comitato Tag:

Il fiume Oliva domenica a Presa Diretta su Raitre

14 marzo 2015 Commenti chiusi

Amantea, 14 marzo 2015 - Riccardo Iacona nella prossima puntata di “Presa Diretta”, in onda domenica 15 marzo alle 21,45 su Raitre, si occuperà dell’inquinamento del fiume Oliva e della sua mancata bonifica.

La puntata “Salviamo il mare” è un lungo viaggio in giro per il Mediterraneo per raccontare che i nostri mari sono malati e hanno bisogno di essere curati. Una troupe della Rai al seguito dell’inviata Elena Stramentinoli ha indagato anche sullo stato di salute del Tirreno cosentino scoprendo le carenze dei nostri depuratori e l’esistenza di aree contaminate che influiscono sullo stato di salute del mare. Disastri ambientali come quello dell’Oliva che dopo oltre dieci anni di indagini, numerosi carotaggi ed analisi non è stata ancora bonificata.

 

Categorie:Attività del Comitato Tag:

Bonifica dell’Oliva. Il Comitato chiede incontro ai sindaci

13 marzo 2015 Commenti chiusi

Sarà successivamente richiesto incontro con Oliverio per sollecitare la regione alla bonifica.

Amantea, 12 marzo 2014 – Il Comitato civico Natale De Grazia chiede un incontro ai sindaci dei comuni che si affacciano nella vallata del fiume Oliva per fare il punto sullo stato dei lavori e per sollecitare il governatore della Regione, Mario Oliverio, a farsi carico della bonifica. Ai primi cittadini di Amantea, Aiello Calabro, Serra d’Aiello, San Pietro in Amantea e Lago è indirizzata la missiva a firma del  presidente del Comitato, Gianfranco Posa, che chiede inoltre al sindaco di Amantea di coordinare l’organizzazione della riunione, alla quale chiede di invitare – oltre ai sindaci in indirizzo – anche le associazioni e i sindacati che si sono impegnati nella vicenda dell’Oliva ad iniziare dalle organizzazioni che si sono costituite parti civili nel processo in Corte d’assise a Cosenza.

Segue il contenuto della missiva indirizzata ai Sindaci di Amantea, Aiello Calabro, Serra d’Aiello, Lago, San Pietro in Amantea

OGGETTO: Richiesta incontro per discussione bonifica della Valle dell’Oliva. Analisi della situazione attuale e discussione piattaforma con i sindaci del comprensorio, da sottoporre al Presidente della Regione Calabria.

Amantea, 10/03/2015

Egregi Sindaci,

Con la presente, il Comitato Civico “Natale De Grazia” di Amantea intende sollecitare una riunione con i rappresentanti dei Comuni in indirizzo per discutere e concordare una unitaria piattaforma di istanze e desiderata urgenti e non più rinviabili, da sottoporre in un prossimo incontro da richiedere al Presidente della Giunta regionale della Calabria, On. Mario Oliverio.

Siamo tutti a conoscenza della situazione di inquinamento ambientale in cui versa la valle del fiume Oliva, appurata negli anni scorsi con accurate e approfondite analisi. Sappiamo tutti che i siti interessati – come dalle risultanze delle indagini effettuate dalla Procura di Paola, dai carotaggi eseguiti da Ispra e Arpacal nella primavera del 2010, e da quanto sta emergendo dal processo in corso in Corte d’Assise a Cosenza – sono diverse, e che la quantità di sostanze nocive e pericolose per l’ambiente è stimata in circa 160 mila metri cubi di fanghi industriali interrati a diversi metri di profondità. Un volume enorme di materiale inquinante, altamente nocivo e pericolosissimo per la salute pubblica, certamente cancerogeno, che comprende tricloroetano, arsenico, vari metalli pesanti, inerti, rifiuti solidi urbani, idrocarburi e Cesio 137.

 

Le aree inquinate – lo ricordiamo – ricadono nei comuni di Amantea, Aiello Calabro, Serra D’Aiello, San Pietro in Amantea. Località come Foresta, Carbonara, Giani, Romia, Massa Vetere, Petrone, Valle del Signore attendono da troppo tempo di essere bonificate. Un’operazione, quella della bonifica, che secondo stime Ispra, necessiterebbe di circa 21 milioni di euro. Lo stesso Istituto del Ministero dell’ambiente, nell’aprile 2013, ha confermato, in una relazione, l’attuale grave situazione ambientale dell’Oliva e segnalato le elevate concentrazioni di sostanze velenose come l’arsenico e l’avvelenamento delle acque di falda inutilizzabile per uso umano, agricolo e zootecnico.

Nei mesi scorsi, è utile evidenziare, la regione Calabria ha chiesto ai comuni di segnalare entro ottobre 2014 la presenza nel proprio territorio di siti da bonificare. Nell’elenco attuale – che però risulta non aggiornato, per come invece è scritto sul sito della Regione – non compare la Valle Oliva (per la quale dovrebbe, invece, essere in procinto l’analisi del rischio, operazione propedeutica alla bonifica), ma è indicato solo Grassullo (anche per questo ultimo sito, dovremmo fare il punto).

 

In relazione a quanto sopra ricordato, CHIEDIAMO, a nome delle Comunità della Vallata dell’Oliva, di voler programmare un INCONTRO con TUTTI i SINDACI del COMPRENSORIO, da tenersi ad Amantea nei prossimi giorni, al quale chiediamo di partecipare insieme alle associazioni ed organizzazioni sindacali che si sono impegnate a difesa dell’Oliva ad iniziare da quelle che si sono costituite “parti civili” nel processo in Corte d’Appello a Cosenza (Comitato De Grazia, Vas, Wwf, Legambiente, Ampana, Forum ambientalista e Camera del lavoro Cgil di Cosenza). Chiediamo inoltre al sindaco di Amantea di farsi promotore dell’incontro da tenersi possibilmente nel giorno di sabato per dare la possibilità a tutti di partecipare.

Certi di una vostra pronta accoglienza della presente, inviamo i nostri più cordiali saluti.

Categorie:Attività del Comitato Tag:

LAGO (CS). Un centro raccolta rifiuti differenziati al posto della discarica

12 marzo 2015 Commenti chiusi

I cittadini preoccupati che il centro di raccolta possa trasformarsi in discarica

Tra la fine dell’anno 2013 e i primi mesi del 2014 una protesta popolare – nata ad Amantea nella sede del  comitato De Grazia – ha impedito che venisse realizzata una discarica di rifiuti in località Giani del comune di Lago.

Il deposito di rifiuti doveva nascere sulle pendici della valle del fiume Oliva, già pesantemente inquinata  da rifiuti industriali seppelliti illegalmente. Durante un incontro pubblico, davanti alle proteste dei cittadini, il sindaco di Lago, l’architetto Vittorio Cupelli,  faceva “dietrofront”, forse convinto dalle motivazioni a sostegno della raccolta differenziata portate avanti da cittadini e ambientalisti o forse anche dal crescente fronte del “no alla discarica”, che avrebbe potuto condizionare l’allora imminente campagna elettorale (poi vinta dallo stesso Cupelli).

Il progetto della discarica – che prevedeva un finanziamento di  circa 5 milioni di euro – veniva così sospeso e per cercare di non perdere i finanziamenti si è lavorato ad un progetto alternativo a supporto – diceva il sindaco – della raccolta differenziata. E così, mantenendo l’impegno, l’amministrazione comunale  con la delibera del 14/2015 ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione di un centro di raccolta di rifiuti differenziati in località Giani del comune di Lago, stessa zona dove doveva nascere la discarica.

Alcuni cittadini di Lago ci hanno però contattato preoccupati, perché sospettano che il “centro di raccolta” possa invece trasformarsi – in caso di necessità ed emergenza – in un deposito di rifiuti “tal quale”, in altre parole in una discarica.

Il dubbio potrebbe essere fondato se si pensa che nelle  vicinanze, sul suolo del confinante comune di San Pietro in Amantea, il virtuoso sindaco Gioacchino Lorelli ha avuto finanziato un progetto per la realizzazione di un’isola ecologica di discrete dimensione che dovrebbe accogliere i rifiuti differenziati di diversi comuni. Pare che l’impianto di San Pietro debba ospitare addirittura anche i rifiuti differenziati del comune di Longobardi distante alcuni chilometri. La domanda dunque sorge spontanea:  Perché realizzare un’opera “doppione” nel vicino comune di Lago?

Le risposte potrebbero venire dagli amministratori negli incontri programmati con i cittadini.

Assemblea di Lago. L’intervento del presidente del comitato de grazia. convegno discarica 5 

La discarica di Giani non si farà è lannuncio dei due candidati a sindaco di lago

 

Un’isola ecologica per la differenziata al posto della discarica dei rifiuti

La realizzazione nel sito di località Giani

Articolo di Bruno Pino sul Quotidiano del Sud del 12 marzo 2015

 

LAGO – Il sito di Giani, in comune di Lago – che lo scorso anno era stato individuato per la costruzione di una discarica per rifiuti speciali non pericolosi – diverrà ora, secondo quanto deciso dall’amministrazione comunale, un centro di raccolta per rifiuti differenziati.

Il progetto prevede, come ci ha spiegato il consigliere Angelo De Simone, la recinzione e l’asfalto di un’area di Cozzo Giani, e la realizzazione di una vasca a tenuta stagna. Il centro di raccolta, i cui lavori dovrebbero terminare entro fine aprile e che saranno eseguiti in economia, per un importo di 33 mila euro gravanti sul bilancio comunale, accoglierà tutte le tipologie di rifiuti differenziati e sarà funzionale al servizio di raccolta “porta a porta” che l’ente locale intende avviare a partire dal prossimo mese di maggio, «con l’obiettivo – è scritto nella deliberazione 14/2015 – di garantire una maggiore tutela ambientale e di riduzione dei costi di smaltimento».

Intanto, il comune sta pianificando, ci ha anticipato il vice sindaco Fiorenzo Scanga, un piano di sensibilizzazione per imparare a differenziare correttamente attraverso incontri presso le scuole, nelle frazioni, e con le associazioni.

Come si ricorderà, la paventata realizzazione di una discarica a Giani (finanziamento di 5 milioni e mezzo di euro), lo scorso inverno aveva tenuto in apprensione le popolazioni locali che si erano fermamente opposte al progetto, insieme ai consigli comunali di Amantea, Aiello, Serra, Cleto, e San Pietro, poiché il territorio della vallata dell’Olivo, dove insiste Giani, più che di altre discariche aveva ed ha tuttora bisogno di bonifiche.

Questo pomeriggio (giovedì 12, ore 18.30), nella frazione Terrati, è previsto un incontro per fare una sorta di bilancio dei primi 10 mesi di amministrazione, al quale parteciperà il consigliere De Simone. Sarà la giusta occasione per chiedere tutti i dettagli del progetto.

Categorie:Attività del Comitato Tag: